Vivere a Londra / Lavorare a Londra / Guida sul lavoro a Londra / Lavorare come musicista a Londra

Lavorare come musicista a Londra

Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Il mestiere del musicista è considerato, nell’immaginario collettivo, un lavoro affascinante, dai facili guadagni e relativamente semplice. Niente di più sbagliato.

Questa professione richiede molto studio e svariati sacrifici, che devono essere coadiuvati da un vero e proprio talento, una predisposizione al ritmo e all’esecuzione che, nel caso dei musicisti più “completi”, si affianca alla capacità di comporre brani originali e coinvolgenti per il pubblico.

Lavorare come musicista a Londra è senza dubbio un’obiettivo importante per numerosi “addetti ai lavori”: la capitale inglese, infatti, è considerata il “cuore musicale” d’Europa e uno dei punti di riferimento per il mercato musicale a livello mondiale.

Prima di analizzare le caratteristiche, i requisiti necessari e gli sbocchi possibili del lavoro di musicista, è necessario distinguere le due professioni principali in questo settore: il musicista classico e il musicista pop.

Esistono importanti differenze tra le due tipologie di professionista sia nel percorso formativo necessario sia nelle opportunità di applicazione. Proprio per questo, analizzeremo e metteremo a confronto le due diramazioni principali della professione di musicista, in modo da fornire un quadro completo delle opportunità disponibili.

Il lavoro del musicista classico

Innanzitutto va specificato che, con il termine “musicista”, s’intende non solo chi suona uno o più strumenti, ma anche chi utilizza lo strumento “voce” ed è dunque un cantante.

Per diventare un musicista classico, avrete bisogno di un alto livello di abilità musicale. Dovrete essere in grado di esibirsi davanti ad un pubblico. È inoltre necessaria una forte auto-motivazione, forza di volontà, concentrazione e attitudine allo studio.

La maggior parte dei musicisti professionisti iniziano a studiare l’arte della musica in tenera età, per poi proseguire gli studi presso un conservatorio e conseguire un titolo ufficiale. Molti di loro scelgono di proseguire con la formazione presso un’università o un college di musica.

Orari, condizioni di lavoro e guadagni medi di un musicista classico

I mestieri che rientrano nell’ambito dell’arte, come appunto quello del musicista, difficilmente avranno giornate lavorative e orari fissi. Spesso si lavora su progetti che possono implicare la presenza del professionista nei weekend, mentre altre volte la partecipazione a un’esibizione dal vivo può richiedere un orario di lavoro serale.

Anche le condizioni di lavoro possono essere dettate dalla contingenza, dal singolo evento o dal progetto, dato che buona parte dei musicisti lavora come freelancer, ma generalmente tutti i dettagli di ogni progetto vengono stabiliti a monte e messi per iscritto, in modo da tutelare sia il lavoratore che il committente.

Lo stipendio medio di un musicista classico può essere decisamente variabile ma, trattandosi di un mestiere fortemente specializzato, può portare degli introiti interessanti. Un musicista impiegato a tempo pieno in un’orchestra può facilmente guadagnare tra le 22.000 e le 28.000 sterline all’anno. Gli elementi orchestrali solisti, invece, possono guadagnare tra 25.000 e 38.000 sterline l’anno.

Il lavoro di musicista classico si può svolgere su base stagionaleo essere conteggiato in base alle singole giornate lavorative effettivamente svolte, includendo in questo calcolo non solo le date degli spettacoli ma anche le ore impiegate nelle prove. I costi in questo caso possono variare dalle 50 alle 3.000 sterline. Questo dipende dalla esperienza, la competenza e la reputazione dei musicisti e se eseguono da soli o con gli altri.

Come trovare lavoro a Londra come musicista classico

Le possibilità d’impiego per un musicista classico sono davvero numerose e vanno dal lavoro in orchestra o presso un Conservatorio alla realizzazione di musica per cinema, televisione, radio e mercato discografico.

Spesso i musicisti classici professionisti vengono contattati tramite il conservatorio o l’istituto presso cui hanno studiato, per iniziare a lavorare al termine della formazione. Altrimenti, si consiglia di presentare la propria candidatura spontanea, corredata di demo audio/video con un estratto delle proprie performance, ad associazioni orchestrali, istituti di musica, case cinematografiche, agenzie pubblicitarie o single venue.

È possibile, infine, consultare le offerte di lavoro in questo settore sui principali siti web dedicati agli annunci di lavoro o su portali specializzati come:

Il lavoro del musicista pop

Di tutt’altro genere è il lavoro del musicista pop, spesso impiegato in contesti più “informali” rispetto al musicista classico e sicuramente più versatile dal punto di vista degli ambiti di applicazione della propria professionalità.

Con il termine “musicista pop” non definiamo solo l’artista dedito alla popular music, ma intendiamo il professionista specializzato in qualunque genere musicale all’infuori della musica classica.

Le principali “mansioni”, se così le si può chiamare, svolte da un musicista pop sono:

  • esercizio e prove,

  • esibizioni dal vivo,

  • composizione e/o arrangiamento di brani, colonne sonore, jingles eccetera,

  • partecipazione a sessioni di registrazione (come singolo performer, con il proprio gruppo o fornendo il proprio supporto in qualità di elemento aggiuntivo),

  • promozione del proprio progetto o della propria attività di musicista pop,

  • organizzazione di concerti e tour (in mancanza di un promoter che abbia questo compito).

Spesso, soprattutto all’inizio della propria carriera, ci si potrà trovare a dover combinare la musica con altri tipi di lavoro

.

Orari, condizioni di lavoro e guadagni medi di un musicista pop

La maggior parte dei musicisti pop lavora in qualità di freelance, pertanto non ha un orario fisso di lavoro e le condizioni dello stesso sono subordinate alla realizzazione del singolo progetto/evento. Generalmente i concerti si svolgono durante i weekend o nei giorni di festa, quando il pubblico è più propenso a partecipare, pertanto bisogna tenere in considerazione il fatto che, se si decide di intraprendere questo tipo di professione, ci si troverò a dover lavorare molto spesso durante i finesettimana o durante i periodi di vacanza.

Per quanto riguarda gli introiti, anche qui va segnalata una variabilità estrema. I musicisti più famosi a livello mondiale possono guadagnare milioni e milioni di sterline in un anno, mentre i professionisti di nicchia, o che comunque operano in un campo ristretto, possono incassare da 0 a 1000 sterline per una serata.

Come trovare lavoro a Londra come musicista pop

Per trovare lavoro come musicista pop è fondamentale essere capaci di auto-promuoversi e candidarsi spontaneamente per i progetti che si ritengono alla portata delle proprie corde. Vi segnaliamo, pertanto, alcuni portali specializzati nel recruitment di artisti e musicisti pop:

Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Cosa ne pensi? Scrivi la tua opinione