Liverpool Street e Old Street

liverpool street
Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Ecco il cuore della città, il suo centro economico fatto di grattacieli vertiginosi e businessman con impermeabile e 24ore al seguito. Qui nacque Londra, e questo è il miglio quadrato più moderno della città. Visitatelo col naso all’insù, ma non troppo, per camminare nelle sue strade dovrete prestare attenzione alle oltre 320.000 persone che quotidianamente la invadono, la maggior parte dei quali lavora nei principali distretti finanziari dell’intero pianeta.

Bank

Ci troviamo nel mitico Squared Mile, o la Londinium come la battezzarono i Romani. Qui nacque la Londra commerciale fondata dai discendenti di Romolo e Remo, una piccola cittadina fondata sugli scambi con l’Europa e protetta dal London Wall, definitivamente distrutto nel 1769. Ecco perché in questa zona è possibile trovare nomi delle vie che testimoniano ancora oggi la funzione originaria della zona, come Bread Street (via del pane) o Milk Street (via del latte) o meglio ancora, lo Spitafield Market, il mercato di carne più grande di Londra che ha rimpiazzato un importante mercato di bestiame medioevale.

Questa vocazione commerciale ha resistito per millenni fino a diventare il secondo nucleo finanziario del mondo dopo Wall Street. Entro il 2012 il suo skyline dovrebbe mutare nuovamente, diventando sempre più simile a Manhattan. Il nostro consiglio è quello di visitarla durante la settimana, quando in preda alla frenesia esprime tutta la sua vulcanica vitalità, mentre durante il week end si svuota completamente – strano a pensarlo ma è proprio così- e molti locali chiudono fino al lunedì successivo. Solitamente i turisti che ci passano ci capitano per andare a visitare la vicinissima St Paul Cathedral, una delle cattedrali più belle d’Inghilterra.

Liverpool Street

A due passi dal cuore pulsante della città c’è la Liverpool Street Station, che oltre ad essere una delle testimonianze dell’architettura industriale vittoriana meglio conservate della città, rappresenta un vero e proprio fulcro per la maggior parte dei londinesi, che da qui arrivano con i vari treni da ogni parte di Londra e sfruttano gli oltre 30 bus che passano dalla strada antistante. Un piccolo vezzo per noi italiani è la presenza nelle vicinanze di Gatti’s Restaurant, uno dei migliori ristoranti italiani della città. Da sottolineare il fatto che è qui che si sbarca con il quando si arriva dagli aeroporti di Luton e Stansted, questa stazione è infatti collegata alla stazione in cui arriva il bus Terravision.

OldStreet

La zona di Old Street è composta da Hoxton Square, Shoreditch e parte di Kingsland road. Hoxton square è una piazza vagamente simile a Soho Square, con numerosi alberi e prati sfruttati dai giovani del quartiere. Intorno alla zona si possono ammirare vecchie case di mattoni e costruzioni moderne come il White Cube, in un contrasto tipicamente londinese. Shoreditch invece è il punto dove si congiungono Shoredritch High Street e Kingsland Road e offre un paesaggio inusuale: strade sbarrate da viadotti ferroviari, antiche dimore, e vecchie aziende commerciali. Ultimamente in questa zona sono sempre più numerosi i locali alternativi e di club groovy, per questo le è stato affibbiato il soprannome “Shoho” con un esplicito riferimento alla sorella maggiore Soho.

Moorgate

Questa non è propriamente una zona residenziale. A due passi dalla city questo insieme di strade larghe ed eleganti è prevalentemente occupato da banche multinazionali e uffici importanti. Non é una zona con molto verde essendo una delle zone al mondo con l’affitto più alto al metro quadro, ma se vi capita di passarci potete apprezzare i bei ristoranti e i negozi dalle vetrine curatissime. A due passi si trova Barbican, con il suo Barbican Centre, famoso per la musica e le arti (é la sede della London Symphony Orchestra) e l’ottimo Museum of London, come tanti altri assolutamente gratuito!

Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Cosa ne pensi? Scrivi la tua opinione