Bricklane e Bethnal Green

brick lane londra
Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

E’ la zona più internazionale di Londra, nel crocevia tra i quartieri trendy di Shoreditch e Hackney e a due passi dagli uffici della City. Bethnal Green Road e Brick Lane sono solo due strade, ma di ospitano un intero mondo. Qui si trovano più lingue e culture che in tutta Londra, secondo una tradizione iniziata con l’immigrazione ugonotta francese, quella ebraica fino alla più recente colonizzazione da parte dei bengalesi.

E’ l’East End sinonimo di multiculturalità e zona dei mercati del design a poco prezzo, dei locali alla moda, dei ristoranti chic e delle boutique all’ultima moda. Senza dimenticare un passato fatto di strade buie e dell’ombra di Jack lo Squartatore e un presente che ospita l’arte più innovativa.

Informazioni pratiche

La zona, nel quartiere di Tower Hamlets, si raggiunge facilmente grazie agli ottimi collegamenti delle metropolitane. La Central line si ferma a Bethnal Green Road e a Liverpool Street, a due passi da Brick Lane, mentre sulla Hammersmith & City line c’è la fermata di Aldgate East, a sud di Brick Lane.

In autobus la linea migliore è la numero 8 che parte dalla stazione di Victoria, passa per il centro con Oxford Circus, unisce Liverpool Street e Bethnal Green, arrivando poi fino a Bow Church anche nella variante della linea notturna. Arrivando da fuori Londra è comoda la stazione di Liverpool Street, ben collegata soprattutto con l’aeroporto di Stansted.

Autentici bazar, queste vie possono offrire praticamente tutto quello di cui avrete bisogno a due passi da casa, dai mobili, agli elettrodomestici, alle macchine in affitto, alle numerose fotocopisterie. Per una spesa economica e tradizionale al 361 di Bethnal Green Road c’è un grande Tesco Metro, aperto durante la settimana fino a mezzanotte, mentre per sapori più esotici, che comunque in questa zona sono la norma, provate il Bangla City Supermarket, all’86 di Brick Lane.

Shopping

Basta camminare per Brick Lane una domenica per trovare la Londra dello shopping per tutte le tasche. I posti migliori per fare incetta di magliette dalle grafiche più strane, vestiti delle designer giapponesi a non più di 20 sterline, libri, dischi, cappelli che anche i giovani londinesi più alla moda non si vergognano a sfoggiare, sono il Sunday Up Market e Backyard Market. Si affacciano su Brick Lane e ormai ospitano stilisti anche più interessanti e più alla portata del popolarissimo Spitalfield Market, comunque una tappa immancabile nel tour domenicale dello shopping, ad un centinaio di metri di distanza di fronte a Liverpool Street Station.

Restando in zona ma salendo con i prezzi merita una visita, Junkie , in Dray Walk, proprio dietro il mercato, dove i vestiti realizzati con giacche e cravatte diventano opera d’arte d’abbigliamento sia per uomo che per donna. E se volete qualcosa di bizzarro ma molto londinese non dimenticate neppure un giro nei tanti negozi vintage che si affacciano su Brick Lane. Uno tra quelli con la merce di qualità migliore, ma anche dai prezzi più alti è Rokit al numero 101. Non perdetevi neppure una svolta in Cheshire Street, dove ci sono alcuni dei negozi dal design più interessante della zona, tra cui Comfort Station, dai gioielli poetici alle borse di qualità eccellente. In fondo alla via, al 112, Beyond Retro è un altro negozio vintage fornitissimo e dai prezzi contenuti.

Bar & Club

Il fine settimana Brick Lane si affolla di giovani che riempiono i suoi locali e affollano la strada. Nel giro di poche decine di metri troverete una scelta vastissima. Tra i posti più noti c’è il Cafè 1001 in Dray Walk, nello stabile dell’ex fabbrica di birra Old Truman. Un posto dove fermarsi anche di giorno per una birra e un panino abbondante da gustare sui tavoloni esterni o sui rilassanti divani all’interno. La sera, ma anche la domenica pomeriggio diventa un club dalla musica pompatissima.

Una formula simile è quella del vicino Vibe Bar. Anche qui di giorno è possibile fare uno spuntino all’esterno mentre la sera si balla al ritmo dei concerti che variano secondo un calendario fittissimo. Subito davanti c’è un altro locale molto noto affollato, il 93 feet, dove non mancano mai party alternativi e musica rock.

Stile completamente diverso è, al 95 di Brick Lane, quello dello All Star Lane, in stile americano retrò, con ottimi hamburger e pista da bowling, in una sala che di sera ospita anche feste dai temi più stravaganti.

Spostandosi invece in Bethnal Green per una scelta un po’ folle, ma allo stesso sofisticata il posto ideale, al 19-23, è il Beach Blanket Babylon, gemello del ristorante omonimo di Notting Hill. Il ristorante è un po’ caro ma al club sottostante in genere l’ingresso è gratuito, per serate tra drag queen e musica dei migliori dj. Scelta opposta è quella dello Star of Bethnal Green. All’orario di apertura sembra un pub tradizionale, con tanto di serata a quiz e cibo gratis il martedì, mentre poi la sera si trasforma in un club che sta diventando uno dei più apprezzati dal popolo di Hackny. Altra scelta molto particolare è a due passi, girando per Pollard Row e arrivando al numero 44-46, dove si trova the Working Men club’s dove non mancano mai travestimenti e feste a temi folli, per un posto definito da Time Out “forse il miglior club di Londra”.

Per l’ultimo spuntino notturno tornate su di Brick Lane e fermatevi al numero 159, vicino a Bethnal Green, per mangiare un bagel o una brioche al Brick Lane Beigel Bakery aperto 24 ore su 24 tutti i giorni.

Ristoranti

Brick Lane è famosa per la sua sfilza di ristoranti bengalesi e indiani che riempiono tutta la prima parte della via. Ognuno ha un insegna che vanta un qualche tipo di premio e riconoscimento. In genere non ci sono grosse differenze tra qualità dei menù e prezzi, che vanno solo controllati con attenzione prima di entrare. Se volete invece provare un pranzo in un luogo alternativo, ma assolutamente londinese, c’è il ristorante vegetariano Rootmaster, in un tradizionale autobus rosso a due piani parcheggiato in Elys Yard, dietro il Sunday Market.

Tornando in Brick Lane al numero 161, un’esperienza culinaria interessante è proposta da Fika, ristorante svedese dove il salmone e la renna sono assolutamente da provare. Scelte invece di alto livello si trovano invece verso Bethnal Green Road. All’angolo con la via, al numero 1 di Club Row, Le trois garcons è un ristorante francese molto ricercato e dall’ambiente di un’eleganza kitsch.

A pochi passi ha aperto invece il complesso Boundary al 2-4 di Boundary Street, dove a breve saranno disponibile anche stanze esclusive di un albergo tutto votato al design, mentre già appena aperto è entrato di prepotenza tra i nuovi indirizzi trendy il ristornate che offre il meglio della cucina anglofrancese.

Per uno spuntino senza troppe pretese ma sempre una scelta da cui non si rimane delusi si può optare invece al 336 di Bethnal Green Road per il ristorante della catena Nando’s, che offre polletti piccanti e gustosi.

Mentre se volete un sapore tipicamente italiano la scelta giusta sarà al 332 di Bethnal Green, allo storico caffè Pellicci, dove dalle 6.30 di mattina alle 17 si trova quello che è stato più volte definito l’espresso migliore di Londra, oltre ad una cucina e un ambiente familiare.

Musica e Cultura

Volete un assaggio di cultura tipicamente Eastender? Tra gli altri indirizzi da segnarsi nella zona, in Draycot Lane il Rough Trade Shop dove gli appassionati di musica non potranno fare a meno di fermarsi ascoltare una canzone nelle cuffie a disposizione dei clienti. Al 139 di Brick Lane , al 139 i cinefili troveranno il Close Up Video, una videoteca un po’ retrò con tutti i migliori film d’annata, divisi per nazionalità. E poi potranno apprezzare in Bethnal Green Road l’ottima programmazione del cinema Richmix, che ospita anche eventi e mostre. Gli appassionati di letteratura che volgiono conoscere meglio l’East End invece dovranno puntare all’Eastside Bookshop , al 166 di Brick Lane, libreria specializzata nella storia locale.

L’arte contemporanea si trova un po’ dappertutto nella zona, ma la galleria più famosa nella zona resta la Whitechapel Gallery, a sud di Brick Lane, al 77-82 di Whitechapel High Street. Dopo un lungo restauro aprirà nuovamente al pubblico il 5 aprile con un programma di esposizione che di certo faranno rumore.

Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Cosa ne pensi? Scrivi la tua opinione