Vivere a Londra / Blog News / Come vivono gli italiani all’estero?

Come vivono gli italiani all’estero?

Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Migliaia di italiani ogni giorno meditano di trasferirsi in un altro Paese e iniziare una nuova vita lontani dall’Italia, nazione che attualmente offre scarse possibilità di carriera sia ai giovani che ai meno giovani. Sul web si leggono le opinioni più disparate su questo argomento, con una conseguente diffusione di informazioni fuorvianti e poco rappresentative della realtà dei “migranti” del ventunesimo secolo.

Per fornire un quadro più chiaro e soprattutto reale della situazione attuale degli italiani all’estero, pubblichiamo un report realizzato nel 2014, basato sulle testimonianze di un campione di nostri connazionali che vivono in varie località nel mondo:

Il quadro che emerge da quest’indagine mostra un’ampia percentuale di italiani all’estero soddisfatti della loro nuova vita in un altro Paese. Questi dati confutano svariati luoghi comuni sugli italiani che vivono nel resto d’Europa e nel mondo, confermando invece la generale positività di un’esperienza di questo tipo.

La città di Londra mantiene ben salda la sua posizione tra le mete più gettonate, così come il resto dell’Inghilterra. A sorpresa, la Spagna conquista la pole position della classifica, confermandosi una destinazione molto ambita dagli italiani nonostante la crisi economica. In terza posizione, a pari merito, si trovano Francia e Australia, a cui seguono gli Stati Uniti d’America.

Colpiscono le percentuali che riguardano il proprio titolo di studi: la maggior parte degli intervistati, infatti, ha dichiarato di non averne tratto alcun vantaggio nella ricerca di un lavoro, nonostante la maggior parte delle persone intervenute nel sondaggio abbia dichiarato di possedere una laurea.

Per concludere, i grafici mostrano come sia possibile trasferirsi all’estero e migliorare la qualità della propria vita, l’importante è organizzare la propria permanenza e partire da una base di conoscenza sufficiente della lingua straniera parlata nella località di destinazione.
Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Cosa ne pensi? Scrivi la tua opinione